VPN e Kodi: come scegliere e configurare

Kodi è una applicazione dal successo planetario, il comodo media center open source ha saputo imporsi per la sua completezza e per la disponibilità di addon, ufficiali e non, che ne espandono ulteriormente le capacità.

Sono più di 40 milioni gli utenti dell’applicazione nelle sue varie versioni, una forte percentuale di loro non sfrutta Kodi con gli addon ufficiali, quanto piuttosto per quellinon ufficiali.

Non sorprende quindi che il nome dell’app sia associato alla pirateria, al vedere partite, serie e film gratis. In ogni comitiva, c’è almeno un amico che si è dotato di un TV box Android o di una FireStick ed usa Kodi per fare il pirata, e che spesso se ne vanta pure.

Chi utilizza Kodi per violare i diritti, soprattutto chi utilizza liste IPTV private rischia moltissimo con ammende vicine ai 2000 € e rischio di reclusione. Per chi le vende ovviamente le pene sono ancora più alte. Per questa ragione diversi portali nazionali e internazionali che parlano di Kodi e di addon consigliano di dotarsi di un buon servizio VPN referenziato.

In pratica, al posto di consigliare di smetterla di delinquere, consigliano di fare i furbi e di sfruttare i migliori servizi VPN disponibili in rete per rimanere completamente anonimi, e quindi non essere perseguibili.

Si tratta di una scelta discutibile e noi di GiardiniBlog vi consigliamo fortemente di utilizzare Kodi solo con gli addon ufficiali, per lo scopo per cui è stato creato e di non snaturarlo facendo i pirati.

Tutte le VPN sono adatte per l’uso con Kodi?

In primo luogo se utilizzate correttamente Kodi non facendo i pirati e non utilizzando addon non ufficiali non avete nessun bisogno di una VPN (a meno che non ci tenete particolarmente alla privacy).

Se avete deciso di fare i pirati e di dotarvi di una VPN per nascondere la vostra identità, dovete sapere che non tutti i servizi sono uguali e garantiscono lo stesso grado di sicurezza.

In primo luogo, nessuna VPN gratuita è adatta all’utilizzo con Kodi visto che le VPN gratis, non solo espongono l’indirizzo IP dei propri utenti ma anche il loro traffico. Le VPN gratuite spesso profilano i propri utenti e vendono i loro dati di navigazione per mantenersi in attività. Inoltre, chi utilizza Kodi per fare il pirata, lo usa di preferenza per vedere contenuti in streaming e le VPN gratuite limitano il traffico e la velocità di connessione; risultano per come sono realizzate, inadatte ed avrete scatti, lunghi caricamenti e continue interruzioni.

Quali VPN per Kodi consigliano i pirati e perché?

Consigliano solo servizi referenziati che fanno della tutela della privacy dei propri utenti la propria missione. Quindi scelgono per sé e consigliano solo servizi notoriamente “nologs”, e magari con sede legale in paesi in cui la legislazione è particolarmente favorevole.

I servizi di qualità si vantano tutti di non tenere logs e cercano di implementare ed offrire i migliori protocolli di sicurezza per garantire la privacy dei propri utenti. L’utilizzo del giusto protocollo di sicurezza è di importanza critica per mantenere l’anonimato e in sicurezza tutto il proprio traffico.

Ci è capitato di recensire alcuni servizi spesso consigliati dai pirati:

Tutti ci hanno soddisfatto sul fronte della sicurezza e delle prestazioni. Se volete una classifica dei servizi VPN, vi invitiamo a consultare il nostro post aggiornato: Le migliori VPN.

Le VPN migliorano lo streaming?

La risposta è no, in generale i servizi VPN non servono per questo scopo. Il migliore servizio VPN non potrà mai superare la velocità della vostra rete. Quindi in linea di principio non si dovrebbe avere nessun miglioramento allo streaming dei contenuti tramite una connessione VPN.

Nei fatti però spesso alcuni clienti sperimentano un netto miglioramento, perché:

  • gli operatori nostrani offrono un pessimo instradamento, che entra in crisi durante i momenti di picco di traffico;
  • alcuni operatori di rete filtrano il traffico degli utenti limitando il file sharing P2P e lo streaming soprattutto durante alcuni orari.

Una connessione VPN per sua natura non rende esaminabile il vostro traffico, e possiede un proprio instradamento, quindi può migliorare le prestazioni con i video se vi trovate in una di queste circostanze.

Come si utilizzano le VPN con Kodi?

Si può procedere in due modi, il primo è semplicissimo il secondo leggermente più complesso e compatibile con un numero minore di servizi.

Il primo metodo è banale, consiste nell’avviare il client della vostra VPN sulla piattaforma in cui avete intenzione di utilizzare Kodi. Una volta avviato il servizio e connessi al server, potrete avviare Kodi essendo sicuri che tutto il vostro traffico verrà instradato attraverso il servizio.

Il secondo metodo consiste nell’utilizzare il comodo add-on VPN Manager, ma l’add-on non è compatibile con tutti i sistemi e con molti servizi. Se il servizio VPN che avete scelto è compatibile troverete sul suo sito una guida sulla corretta configurazione.

Please wait...