KickAss Torrents (KAT): come accedere, come funziona e alternative

KickAss torrent, ha un nome che è già una dichiarazione abbastanza chiara di intenti, KickAss può essere facilmente tradotto in italiano con “spaccare” (o con un più letterale prendere a calci in culo). Si tratta di uno dei motori di ricerca per torrent più famosi, diffusi e utilizzati dell’intero Web.

I motori di ricerca per torrent sono fondamentali perché ogni file sulla rete di condivisione è diviso in parti, e le info sul file e le sue parti sono contenute in un file meta. Il file meta in questione può essere fornito ai client torrent, sotto forma di apposito file con estensione .torrent o di link Magnet.

La rete torrent è particolarmente amata dai pirati di tutto il mondo per alcune ragioni:

  • è davvero semplice da usare;
  • permette di scaricare molto velocemente;
  • i file fake sono pochi;
  • c’è moltissimo materiale di ogni genere anche raro.

Breve storia di KickAss Torrents

Il sito comunemente abbreviato in KAT è attivo dal 2008 e ha avuto una storia abbastanza complessa, diverse corti e paesi hanno tentato di bloccarlo ma cambiando dominio è sopravvissuto. Nel luglio 2016 è avvenuto il colpo più duro: due membri del team originale sono stati arrestati e il dominio principale è stato sequestrato.

Molti mirror non ufficiali sono nati ma hanno chiuso dopo breve tempo. Sembrava finita per KickAss torrent ma nel dicembre dello scorso anno è risorto con una interfaccia leggermente modificata, grazie al lavoro di parte dello staff del sito originale. Da allora a oggi il sito continua ad essere attivo e funzionante (anche se con frequenti cambi di dominio).

Come raggiungere KAT dall’Italia

Come nel caso di The Pirate Bay (di cui abbiamo già parlato in un’apprezzata guida), Google aveva rimosso il sito dall’indice per ostacolare la pirateria. Il team ha aggirato brillantemente il problema, mettendo online una nuova pagina che comunica lo stato del servizio (se è online o offline) e fornisce il link al dominio primario attuale e quelli ai mirror più affidabili del momento.

Quindi raggiungere il sito è semplice, basta cercare su Google, “KAT Status” (senza virgolette) e cliccare sul primo risultato. Non inseriamo direttamente l’indirizzo perché anche lui varia spesso per eludere i blocchi, quindi ci toccherebbe ritoccare questo post davvero in continuazione.

Il sito potrebbe essere inaccessibile, ma sicuramente non è stato chiuso, risulta invece bloccato dai DNS del vostro operatore. Per accedere basta cambiarli i DNS con quelli internazionali che sono anche più rapidi e rispettosi della vostra privacy. Abbiamo dedicato una guida al cambio dei DNS.

Una volta raggiunta la pagina (che si presenta come da screen) potete cliccare sul dominio principale oppure su uno dei comodi mirror, linkati sotto.

KickAss Torrents: status

A questo punto avete raggiunto la home del motore di ricerca, nel prossimo paragrafo vedremo come si utilizza.

Come si usa KickAss torrent

Raggiunta la home si ci troverà di fronte ad una interfaccia molto familiare, che ricorda vagamente quella di Google. Abbiamo una barra di ricerca in cui possiamo inserire il nome del file di nostro interesse, ad esempio Ubuntu. Poi possiamo avviare la ricerca premendo “Invio” sulla tastiera o cliccando sulla lente di ingrandimento.

KickAss Torrents: Home

Apparirà una tabella con tutti i risultati che contengono la nostra query (la parola chiave che abbiamo inserito). Per trovare più velocemente i migliori torrent vi consigliamo di cliccare sulla parola “Seed“, così che tutti i risultati saranno ordinati per numero di fonti complete. In genere un file con un alto numero di seed è più affidabile e più rapido da scaricare. A tal proposito, leggete: come aumentare la velocità di download dei torrent se interessati all’argomento.

KickAss Torrents: ricerca

Individuato il torrent di nostro interesse, basterà cliccare sull’icona a forma di calamita accanto al nome per avviarne lo scaricamento (tramite link “magnet”).

Attenzione, il download sarà possibile solo se sul vostro dispositivo è installato un client torrent (consultate la nostra guida sui migliori).

KickAss torrent è legale?

La risposta è davvero difficile da dare, se avete letto la breve storia del sito avrete notato la mole di guai giudiziari del sito. Il problema è che sul portale esistono moltissimi file liberi, ma la maggior parte dei file indicizzati sono coperti da licenza di copyright. Il sito non ha il personale né i mezzi per attuare una censura nel suo indice, può solo provvedere a rimuovere i file che gli sono segnalati.

Anche sulla pirateria adesso le opinioni diventano sempre meno polarizzate, diverse nuove ricerche sostengono che i film distribuiti in modo pirata hanno vantaggi al botteghino. Alcuni artisti caricano volentieri le proprie opere per ottenere una maggiore visibilità.

Nessuno in ogni caso può essere incriminato semplicemente per aver visitato il sito, tocca a voi, stare attenti a evitare di scaricare materiale protetto da copyright. Se invece utilizzate KickAss e la rete torrent per fare i pirati, dovete sapere che state commettendo un reato e rischiate delle pesanti sanzioni. Chi utilizza torrent infatti non solo scarica un file pirata (reato che prevede un’ammenda) ma nel mentre lo ricondivide (commettendo un secondo reato penale, per cui è prevista una sanzione più pensate e il carcere).

KAT è sicuro?

Se lo utilizzate per cercare e scaricare materiale libero, non state commettendo alcun reato ed il sito è più che sicuro e affidabile. Il collegamento al sito è Https quindi criptato, ma resta poco sicuro utilizzare torrent per scaricare materiale protetto da copyright.

L’unica cosa da segnalare è ad oggi la presenza di alcuni fastidiosi popup, per difendervi dalla pubblicità invasiva potete sempre utilizzare un ad-block.

Ormai diverse ricerche hanno evidenziato come, anche attraverso la rete torrent sia facile risalire a cosa viene condiviso da ogni singolo utente e quale sia il suo indirizzo IP.Quindi più che della sicurezza del sito vi dovreste preoccupare di non commettere reati e di non scaricare materiale illegale dalla rete torrent.

Appunto per questa ragione il sito consiglia una VPN, ma ne parleremo più diffusamente nel prossimo paragrafo.

Perché KickAss Torrent consiglia di utilizzare una VPN?

Perché le criticità della rete torrent sono note, quindi l’unico modo pratico per salvaguardare efficacemente la propria privacy è una VPN.

Una buona VPN no log per la propria natura evita che l’indirizzo IP del cliente sia identificabile, cripta tutto il suo traffico, e permette di aggirare i blocchi geografici.

Loro fra le molte VPN disponibili sul mercato consigliano NordVPN non solo perché avranno un accordo con questo servizio, ma anche perché, come è emerso dalla nostra recensione è davvero un’ottima soluzione per chi vuole scaricare velocemente torrent mantenendo l’anonimato.

Se scaricate spesso con torrent e siete preoccupati per la vostra privacy vi consigliamo di consultare il nostro approfondimento sui migliori servizi VPN per torrent.

Le migliori alternative a KAT

KickAss torrents è senza dubbio alcuno uno dei maggiori motori di ricerca per torrent, ma su Web fortunatamente esistono molte alternative valide.

Anche loro per sfuggire alle maglie della censura molto spesso cambiano dominio, quindi la soluzione più pratica per raggiungerli è cercarne il nome su Google come suggerito nei paragrafi precedenti. In alternativa, potete provare una ricerca con “kickass torrent proxy“.

Eccovi quindi la lista delle alternative a KAT più utilizzate sono: The Pirate Bay e il meta-motore di ricerca Torrentz2 di cui vi abbiamo parlato negli articoli in evidenza.

Esistono anche apprezzate alternative che offrono solo torrent in italiano: