Guida rapida su come funziona Twitter

Twitter è un social network nato nel tecnologicamente lontano anno 2006. Questa piattaforma fin dall’inizio ha puntato sui messaggi brevi. Tanto che alcuni definiscono Twitter una piattaforma di micro blogging.
Tutto su Twitter gira attorno ai contenuti degli utenti ed ai loro brevi stati detti tweet (cinguettio). Il basso limite di caratteri permessi per singolo tweet (all’inizio 140 caratteri, ora raddoppiato a 280 caratteri) si è dimostrato negli anni una delle forze di questo social.
Oggi Twitter è la piattaforma social su cui comunicano molti leader mondiali: il presidente degli Stati Uniti, il Papa, diversi campioni dello sport e pop star.

Twitter quindi sempre più spesso, da straordinario mezzo per informarsi è divenuto esso stesso la notizia. È ormai comune leggere articoli e approfondimenti giornalistici nati da uno o più tweet di una persona famosa.

Dopo la registrazione alcune persone si sentono spaesate, perché Twitter è completamente diverso da Facebook. Qualche somiglianza si incontra invece con Instagram, che ne ha mutuato parte della struttura.

Ma cerchiamo di andare con ordine e vediamo nel dettaglio come usare e come funziona Twitter.

Come iscriversi a Twitter?

Per usare Twitter il primo passo da compiere è la registrazione di un profilo Twitter, questa è molto semplice e immediata, si può effettuare andando alla pagina ufficiale del social network oppure scaricando l’app per Android o per iOS.
In tutte e tre le circostanze la procedura è simile, basta premere sul pulsante “Iscriviti“e completare il modulo inserendo i soliti dati: email (o numero di telefono), nome utente del proprio account, la password che abbiamo scelto (sarà quella che dovremo inserire per accedere al servizio), nome, cognome, anno di nascita.

Iscrizione a Twitter

Una volta completata la registrazione, sia su desktop che su mobile, si verrà invitati ad inserire le foto di profilo e poi ad indicare i principali interessi.
Indicando i propri interessi il social potrà suggerirci quali profili seguire per iniziare a leggere nella propria Home i messaggi pubblicati dalle altre persone. Verrà anche chiesto se si vogliono utilizzare i contatti della propria rubrica per trovare gli amici già iscritti a Twitter, si può accettare premendo sul pulsante “Importa contatti” o rifiutare premendo su “No grazie“.

Ora completata la registrazione è il momento di introdurci al funzionamento della piattaforma, esplorandone i vari aspetti.

Come funziona Twitter?

Si tratta di un social che basa tutto sull’immediatezza, tanto che è perfetto per la fruizione mobile. Su Twitter tutto gira attorno ai contenuti, senza distrazioni né interazioni superflue.

twitter home

L’interfaccia che ci troveremo di fronte dopo l’accesso è la seguente, composta da diverse parti:

  1. Il campo in cui inserire nuovi tweet, cioè i messaggi che ognuno scrive, ne parleremo in dettaglio nella sezione dedicata.
  2. La “timeline” (o cronologia), qui troveremo in ordine di tempo tutti i tweet degli account o degli hashtag che seguiamo.
  3. Le “Tendenze per te”, detti anche “trend topic”, sono gli argomenti che nella propria regione hanno avuto più tweet nelle ultime ore.
  4. La barra con le icone che permettono di accedere a vari importanti aspetti, dall’alto: il primo tasto permette di tornare alla “Home”; il secondo permette di entrare nella schermata dedicata ai topic (argomenti) del momento; il terzo premette di accedere alle notifiche; il quarto ai messaggi diretti; il quinto alle liste; il sesto al proprio profilo; il settimo è il tasto menù che nasconde altre voci, l’ultimo è un grande pulsante azzurro che serve per creare nuovi tweet.
  5. In alto a destra nell’interfaccia si trova il comodo riquadro di ricerca, utile per trovare account e tweet di nostro interesse.

Limitazioni su Twitter

Ci sono però alcune limitazioni quando si opera su Twitter che si devono tenere a mente:

  • non è possibile personalizzare il proprio profilo;
  • abbiamo già menzionato il limite di 280 caratteri per ogni tweet;
  • è possibile mandare un massimo di 1000 messaggi diretti al giorno;
  • si possono fare un massimo di 2400 tweet nell’arco delle 24 ore;
  • si possono seguire un massimo di 400 persone nuove al giorno.

Come si pubblica un messaggio su Twitter?

I “messaggi pubblici” del social network si chiamano tweet e possono essere di diversi tipi:

  • tweet comune, che può contenere diversi tipi di contenuto, testo, immagini (anche gif), video, o sondaggi;
  • il retweet, si tratta di ripubblicare un contenuto altrui;
  • la risposta, si tratta di rispondere al contenuto di qualcun altro (è in pratica un commento);
  • la menzione, è un tweet pubblico indirizzato ad un’altra persona;
  • il promoted tweet, si tratta di un contenuto sponsorizzato.

I diversi tipi di tweet sono individuati da una propria simbologia:

  • la @ permette di citare un altro account, effettuando così una menzione;
  • il carattere # identifica gli hashtag che etichettano i contenuti.

Creare un nuovo tweet su Twitter è facilissimo, anche se la procedura è leggermente diversa in base alla piattaforma, su desktop:

inviare tweet

  • andiamo sulla pagina principale del social;
  • subito in alto al centro comparirà la sezione in cui si potrà inserire il proprio stato, con tanto di menzioni (@nome account) o hashtag (#argomento);
  • si può arricchire il proprio messaggio aggiungendo elementi multimediali (immagini, video o Gif animate), emoji, o sondaggi (utilizzando le icone apposite);
  • una volta completato si può inviare premendo sul tasto “Twitta“.
  • In alternativa è possibile aprire la casella per inviare un tweet cliccando sul tasto di “Twitta” presente in ultima posizione nell’elenco a sinistra dello schermo.

Differenze fra following e follower

Su Twitter non esistono gli “amici”, l’approccio è completamente diverso da Facebook ed ogni profilo è pubblico. La filosofia è che se si pubblica qualcosa è per condividerla con tutti.

Ogni profilo ha persone che lo seguono, “Followers” appunto, che vedono sulla propria timeline tutti i suoi stati. Inoltre può decidere di seguire altri profili “Following” per essere sempre aggiornato sui loro tweet.  Tutto il meccanismo funziona in modo molto simile a quello di Instagram.

Non c’è bisogno di seguire qualcuno per interagire con lui, o per rispondere ad un suo tweet.

Avere un gran numero di followers non è fondamentale per avere un profilo di successo, l’importante è la partecipazione che i vostri tweet generano. Se avete un milione di followers e non interagiscono con i vostri tweet allora sono poco utili. Questo è il motivo per cui l’acquisto dei followers su Twitter è fortemente sconsigliato.

L’importanza degli Hashtag

Gli hashtag sono una delle armi vincenti di Twitter, permettono di identificare le tendenze e di seguire gli argomenti di nostro interesse, così da rendere il social davvero nostro.

hashtag twitter

La parola hashtag è composta da hash (cancelletto) e tag (etichetta).
Come si può facilmente dedurre si tratta di una etichetta (solitamente è una semplice parola chiave che descrive qualcosa del proprio messaggio) preceduta dal segno cancelletto (#).
Gli hashtag quindi sono delle comode scorciatoie che permettono agli altri utenti di trovare una discussione sui social network o prendervi facilmente parte.

Gli hashtag non sono gerarchici (quindi non esistono hashtag più importanti di altri) e sono piuttosto anarchici, nascono dall’iniziativa dei singoli utenti e possono diventare virali in poco tempo, ad esempio a seguito di una certa notizia o avvenimento.
Utilizzare a dovere gli hashtag è importante su Twitter così come lo è su Instagram, in quanto permette al pubblico interessato ai nostri tweet di rintracciarli e di seguirli.

Quindi quando scriviamo un tweet, ricordiamoci di inserire uno o più hashtag che rimandano all’argomento. Ovviamente, resta sempre il consiglio di non esagerare: un tweet con troppi hashtag risulta inutile e poco informativo e potrebbe farci perdere dei followers.

La differenza fra le menzioni e i messaggi diretti

Le menzioni ( @nomeutente ) servono per attirare l’attenzione di un account su un nostro tweet e sono visibili a tutti.
I messaggi diretti invece, sono privati, non hanno il limite dei 280 caratteri e possono essere visti solo da noi e dal destinatario.

Inviare un messaggio diretto è molto semplice, basta:

  • andare nell’apposita sezione “Messaggi” premendo sul tasto a forma di lettera;
  • quindi premere sul tasto “Nuovo messaggio“;
  • inserire il destinatario e premere su “Avanti“;
  • inserire il testo del messaggio nell’apposita casella e infine premere sul tasto a forma di freccia per l’invio.

Non tutti i profili permettono la ricezione di messaggi privati, mentre nessun profilo può evitare di essere menzionato.

Come eliminare il proprio account di Twitter

Se abbiamo deciso che Twitter non fa per noi, possiamo semplicemente eliminare il nostro account. Si hanno 30 giorni di tempo per ripensarci e riattivarlo.

La procedura è abbastanza semplice, possiamo trovare tutti i passaggi su desktop e mobile direttamente nel nostro articolo dedicato alla cancellazione dell’account di Twitter.

Proscenic Promo