Come leggere un disco floppy su un computer moderno

Chi ha qualche anno sulle spalle ricorda i mitici floppy disk, unità di memoria di massa economiche e portabili.
Prima dell’avvento dei CD e delle penne usb erano il metodo più pratico per traferire documenti fra PC.
Il loro utilizzo per salvare file è stato così costante e duraturo da aver lasciato un’impronta indelebile nell’informatica, ancora oggi, se ci fate caso, l’icona del comando “Salva” in numerosi programmi per PC è la rappresentazione stilizzata di un floppy disk.
Nel caso in cui ne avete ritrovato uno in un cassetto e siete curiosi di sapere cosa contiene, o avete necessità di utilizzarli, proseguendo nella lettura dell’articolo vedrete come fare per leggere un floppy su un computer moderno.

Come funziona un floppy disk?

I floppy disk sono dei semplici dischi magnetici di materiale flessibile, protetti da un rivestimento di materiale plastico rigido di forma vagamente quadrata. I dati sono scritti permanentemente sul disco tramite una testina. In generale i dati sono scritti su settori o su tracce, le prime sono porzioni angolari, le seconde sono dei cerchi concentrici.

Nel corso della storia dell’informatica si sono visti vari formati di floppy, ognuno con alcune caratteristiche differenti, quelli 8 pollici e quelli da 5,25 pollici hanno al loro centro un buco, mentre quelli da 3,5 pollici sono dotati di un un perno metallico circolare che permette di fare girare il disco.

Le unità da 3,5 ” erano pensate per essere più resistenti, hanno una sola apertura da cui si può accedere al delicato disco magnetico interno. Tale apertura è protetta da una linguetta protettiva (di solito in metallo) per evitare che il disco magnetico venga toccato e si rovini.

Brevissima storia dei floppy

La storia dei floppy disk è un gran pezzo della storia dell’informatica. In questo articolo ci limiteremo ad una brevissima sintesi.

Brevissima storia dei floppy

I primi dischi floppy da ben 8 ” (20 cm di lato) sono stati lanciati sul mercato da IBM nel lontanissimo 1971. Sono divenuti in breve insostituibili, anche se un singolo disco riusciva a contenere soli 79,7 KB.

La loro evoluzione chiamata in gergo “Mini floppy” e grande 5″ e 1/4 (13 cm di lato) fu sviluppata dalla Shugart Associates e lanciata nel 1976. Il formato ebbe subito successo e si diffuse rapidamente, la prima versione poteva contenere 160 kB di dati; in seguito vennero lanciate versioni a doppia faccia capaci di contenerne il doppio.

Già nella prima metà degli anni 80 la capacità di archiviazione risultò insufficiente, Sony studiò e lanciò il floppy da 3,5 pollici (9 cm di lato). È stato denominato “micro floppy” ed è rimasto diffuso fino alla fine degli anni 90.

Un floppy da 3,5″ nella sua prima versione detta DD (Double Density) conteneva 720 kB di dati, la versione HD (High Density), che sono gli unici ancora “in uso”, contiene 1440 kB di dati (1,44 MB).

Il declino definitivo del formato si è avuto solo nei primi anni 2000 con la diffusione di Internet e delle chiavette USB. A poco a poco l’unità floppy è sparita dai nostri PC perché era sostanzialmente inutilizzata. Per darvi un’idea, in una comune ed economica chiavetta USB da 8 GB può essere memorizzata una quantità di dati pari a circa 5700 floppy disk HD.

Come leggere e scrivere un floppy disk oggi?

Ci possono essere occasioni in cui è ancora fondamentale utilizzare i floppy disk. Magari serve recuperare dati che abbiamo salvato qualche decennio fa, oppure ci occorre interagire con sistemi che non sono stati aggiornati o non sono aggiornabili.

Come leggere e scrivere un floppy disk oggi?

Per utilizzare un floppy disk su un sistema moderno, bisogna, nella maggioranza dei casi, utilizzare un comodo lettore esterno USB per Floppy Disk.

Vi sorprenderà sapere che nessun sistema operativo moderno ha al momento dismesso il supporto ai vecchi e cari floppy. Addirittura il kernel Linux ha visto di recente l’aggiunta di diverse linee di codice volte proprio a migliorare il supporto ai floppy disk.

Quindi basta inserire il cavo USB del lettore floppy disk nel PC per vedere riconosciuta l’unità.

Se avete un vecchio modello di lettore USB di floppy disk, erano comuni negli anni 90 dai produttori di portatili, è possibile utilizzarlo ancora, basta collegarlo ad un moderno PC con Windows 10 e dovrebbe essere riconosciuto nella maggior parte dei casi.

Ecco le migliori unità USB per leggere e scrivere floppy da 3,5 pollici

Elegantstunning - Disco floppy esterno portatile USB da 3,5
  • 🍀-- ✔【Unità disco floppy USB esterna da 3,5 "】super sottile e leggera, facile da trasportare, i ...
  • 🍀-- ✔【Qualità premium e guscio in plastica rigida 】 Unità disco floppy esterna portatile, custo ...
  • 🍀-- ✔【Installazione automatica plug and play】 Plug and play, nessun driver aggiuntivo richiesto ...
Hamlet XFDUSB
  • Floppy drive esterno per computer desktop e notebook
  • Interfaccia USB 1.1
  • Supporta Floppy Disk 3.5" 1.44 MB ad alta densità (2HD)
VBNC 1.44 MB Floppy Disk 3.5
  • ✅Mini floppy disk da 3,5 pollici, super sottile e leggero.
  • ✅Porta USB, non è necessaria alcuna alimentazione esterna.
  • ✅Ideale per utenti di desktop, laptop e computer portatili.

Dove acquistare floppy disk oggi?

Esistono ancora in vendita pacchi di floppy disk, i vecchi dischi infatti si deteriorano facilmente e, se i sistemi continuano a funzionare, bisogna sostituirli ciclicamente.
Ormai utilizzare i floppy non è di certo economico, ma ecco quali dischi potete acquistare per avere prodotti di buona qualità (in alcuni periodi i prodotti potrebbero risultare non disponibili):

Come leggere e scrivere su un floppy da 5,25 pollici

Per leggere e scrivere i vecchi floppy da 5 pollici e 1/4 la situazione è molto più complicata. Esistono solo due metodi praticabili:

  • utilizzare un vecchio PC con un floppy drive da 5 pollici e 1/4 su cui installare Windows 95 SE, Windows 98 o ME e prelevare i file estratti con una penna USB. Questi sistemi supportano il sistema Plug and Play dovrebbero supportare le chiavette senza complicazioni.
  • prendere una vecchia unità floppy da 5,25 pollici e collegarlo ad un moderno PC tramite un adattatore USB apposito, per alimentarlo vi servirà anche un vecchio alimentatore dotato di connettore Molex. Entrambe sono cose non semplici da trovare, un sito americano le vende, ma è una soluzione abbastanza costosa.
Proscenic Promo